Previsioni 2008: più multe per tutti

Sarà un 2008 di lacrime e sangue per gli automobilisti romani. Che novità, dirà qualcuno. Ma tra un po’ scoprirete che al peggio non c’è mai fine. E che le multe rischiano di aumentare di un buon 20 per cento rispetto al 2007. Verrà di certo il sangue agli occhi a chi ogni giorno attraversa Roma a bordo di un’automobile o di una moto leggendo il contenuto della determinazione dirigenziale 1039 del 30 novembre scorso, diretta alla polizia municipale e avente per oggetto, come si legge, «Progetti di produttività collettiva». Quattro fogli fitti fitti nei quali Antonio Giuliani, che si firma modestamente «il vicecomandante», ma è di fatto il numero uno dopo la rimozione del comandante Giovanni Catanzaro, ricorda che il contratto nazionale prevede «di incentivare la produttività e il miglioramento dei servizi attraverso la corresponsione di compensi correlati al merito e all’impegno di gruppo per centri di costo». In pratica, caro vigile: più produci e più guadagni. Il tutto in base a «un sistema di valutazione permanente dei risultati accertati annualmente». Giuliani avverte i colleghi di aver convocato i dirigenti delle varie unità operative «al fine di formulare obiettivi di produttività riferibili agli impegni più significativi e imponenti di competenza, con riferimento, in particolare, alle attività operative per le strutture territoriali e agli interventi di gestione per quelle centrali, inerenti alla missione di ciascuna unità operativa». E che vengono stabiliti criteri di misurazione percentuale dei vari obiettivi. Lo schema è lungo e dettagliato: per esempio per l’unità operativa per la sicurezza dei luoghi di lavoro e medicina preventiva viene fissato l’obiettivo di verificare nel 2008 «almeno il 90 per cento dei locali aperti al pubblico presso dieci sedi di polizia municipale in relazione all’accessibilità, visibilità e adattabilità per soggetti portatori di handicap o anziani temporaneamente inabili». Bizzarro l’obiettivo dell’unità operativa segreteria generale, che nel 2008 dovrà aumentare del 25 per cento le esibizioni della banda musicale. Musica, maestro! Il Personale, invece, dovrà preoccuparsi di ridurre del 40 per cento i «tempi di istruttoria per l’attribuzione dei provvedimenti previsti» dall’enigmatico «articolo 34 del regolamento del corpo». Obiettivi discutibili ma facilmente misurabili. Per i diciannove gruppi, invece, la mission del 2008 è «aumento del 20 per cento dei controlli nelle materie di competenza rispetto al periodo dicembre 2006-marzo 2007». E siccome tra le materie di competenza c’è anche, se non soprattutto, il controllo della viabilità, ecco che ci dovranno essere più automobilisti o centauri fermati. E come dimostrare questa alacrità? Non c’è altro modo. Quindi, cari romani, preparatevi: i vigili vi fermeranno più spesso e saranno più fiscali. Per un semplice motivo: conviene loro. E quando porterete a casa l’ennesimo verbale consolatevi pensando che, nei loro panni, fareste probabilmente anche voi così