Previsto nel 2011 il via al sistema Gps europeo

da Milano

Il sistema satellitare Ue Galileo, concorrente del sistema americano Gps, sarà pienamente operativo nel 2011. A comunicarlo è stata ieri l’Agenzia spaziale europea, in risposta alle preoccupazioni di alcune imprese tedesche che temevano un rinvio al 2014. Attualmente solo uno dei 30 satelliti previsti dal programma Galileo è in orbita.
Da tempo le autorità politiche europee avevano indicato l’intenzione di lanciare un proprio sistema satellitare civile per ridurre la sua dipendenza dal sistema militare Usa i cui segnali possono essere interrotti per decisione unilaterale degli Usa in caso di necessità. Ma nel frattempo i ritardi si sono accumulati. Inizialmente il progetto Galileo avrebbe dovuto diventare pienamente operativo nel 2008 o nel 2009.
Secondo le informazioni fornite ieri il nucleo del sistema, basato su quattro satelliti, dovrebbe essere nello spazio entro il 2009. Secondo i programmi l’avvio operativo del progetto sarebbe in grado di mettere in moto investimenti per decine di miliardi nel settore hi tech europeo. Un centro di controllo sorgerà in Italia e si affiancherà ad un altro impianto che verrà realizzato in Germania.