Preziosi: «Darò al Genoa più tempo e più soldi»

Sogna di tornare a fare un gol, alzando lo sguardo al cielo nel ricordo di un fratello che non c’è piu’. Lucho Figueroa spera che Reggio Calabria segni la tappa del suo ritorno defnitivo al calcio dopo tanta sofferenza e due spezzoni di gara con Fiorentina e Inter: «Sto bene e vorrei giocare. La decisione finale spetta al mister ma io sono qui con la voglia di fare la mia parte». Non teme l’ambiente delo stadio della Reggina: «Con tutto quello che ho passato non ho certo timore di qualche calcio in più». E in effetti Figueroa sotto agli occhi del presidente Enrico Preziosi ha fatto centro contro i dilettanti dell’Andora (campionato d’Eccelenza, gara finita 11-1) rafforzando la sua candidatura. E Preziosi gli fa coraggio: «Lucho sa di non avere più tanti giorni a disposizione per test vari. Ora tocca a lui dimostrare le qualità di cui dispone».
Il massimo dirigente rossoblù è fiducioso sulla squadra anche se teme molto la prossima trasferta: «Avrei preferito giocare subito con la Roma perché a Reggio Calabria ci aspetta un ambientino difficile. Sarà ua partita durissima e qualsiasi risultato positivo sarà importante e ben accetto da noi». Preziosi non sarà al Granillo: «Ci devo pensare, ma siccome non tutti gli ambienti sono uguali non vorrei prendermi degli insulti perché non sono il tipo da stare zitto e alla fine ne uscirei male. Meglio guardare la partita in tivù, almeno se mi arrabbio non i vede nessuno». Il presidente del Grifone smorza i toni da derby innescati dal suo collega Garrone che aveva dichiarato di non scommettere più con la sua nipotina genoana perchè il risultato finale con la Samp davanti in classifica al Genoa è secondo lui scontato: «Io non ho doti di preveggenza, ma preferisco rimanere concentrato sulle questioni di casa mia. Penso alla salvezza e basta». Infine Preziosi ringrazia Gasperini che il giorno dopo l’annuncio di aver prolungato il suo contratto fino al 2012 ha detto che voleva coinvolgere di più il presidente: «Ma io sono sempre qui. Forse ha parlato così perché mi aveva visto poco durante il mercato di luglio. Adesso sono molto impegnato con la mia azienda ma da dicembre comincerò di nuovo a lavorare per il futuro prossimo del Genoa e aumenterò le risorse da investire».
Infine una sorpresa per i tifosi. Sabato 17, in occasione della sosta per la partita della Nazionale, il Genoa giocherà un’amichevole al Ferraris, ore 15, con il Monaco.