Preziosi prepara il ritiro, Gasperini la casa

Giovanni Porcella

Ancora via vai frenetico nel Genoa. Il tecnico Gasperini dopo il vertice di mercato con il presidente Enrico Preziosi anche ieri ha lavorato in sede per preparare il ritiro di Neustift (partenza fissata per domenica mattina dopo aver incontrato la stampa) e poi con la moglie ha visionato alcuni appartamenti tra i quali sceglierà la sua residenza. Dario Biasi dopo aver firmato il contratto con la società rossoblù si è intanto sottoposto alle visite mediche di rito. L'ex difensore del Verona non nasconde la sua soddisfazione per l'arrivo al Grifone: «Vengo con grande entusiasmo e l'idea di cambiare, dopo tanti anni al Verona, mi apre scenari stimolanti e differenti. Credo di sapermela cavare in quasi tutti i ruoli difensivi, ma di sicuro non avanzo pretese sull'impiego. Dicono che abbia un bel lancio e mi faccia valere nel gioco aereo, ma non sta a me parlare di queste cose. Io penso solo ad allenarmi da professionista e rendermi utile: sarà il mister a decidere se, quando e dove giocare».
Ma al Baluardo Biasi non era l’unico. C’era infatti anche Salvatore «Sasà» Aurelio. Lui, uno di casa come Domenico Criscito, un altro prodotto della nidiata di talenti allevata da Claudio Onofri, quando era responsabile del settore giovanile e cresciuta sotto la scuola di Chiappino, Corradi & C. Alla Carrarese per farsi le ossa, poi nel Verona la scorsa stagione. «Sono felicissimo di rientrare a Genova – ha detto Aurelio - questa è la mia seconda casa e poi le esperienze maturate sono state utili. Arrivo in punta di piedi, con la speranza di potermi ritagliare un posto nell'organico. Qui ho lasciato un mucchio di amici. L'idea di non dovere superare un periodo, per così dire, di ambientamento, può sicuramente agevolare il mio inserimento». Al Porto Antico si è visto pure l’argentino Donati, una scommessa di Preziosi. Il giovane centrocampista non ha ancora messo nero su bianco, ma si dice pronto a questa esperienza genovese: «Sarei felice di giocare qui dove Milito e Rimoldi hanno lasciato il segno». D’altronde troverebbe in rossoblù i suoi connazionali Nieto e Rios. Sul fronte delle trattative c’è da segnalare la partenza di Gazzoli al Vicenza, mentre Scarpi alla fine potrebbe rimanere a contendersi il posto con Barasso che secondo le indicazioni della società dovrebbe partire titolare. Preziosi e i suoi collaboratori stanno anche cercando una prima punta: sono spuntati i nomi di Riganò e di Zampagna, candidature eccellenti, ma di non semplice coronamento. Però in serata arriva la conferma dell’acquisto di Manuel Coppola dal Messina. Il centrocampista ritorna rossoblu con un contratto quinquennale. Intanto Nicola Caccia dovrebbe iniziare la sua carriera di allenatore della Biellese che milita nel campionato di C2. Caccia sembrava poter entrare nel settore giovanile del Genoa, ma alla fine l’accordo non è andato in porto e partirà da un club semiprofessionistico.