Preziosi s’infuria al voltafaccia dell’Inter

(...) su tutte le furie il presidente Enrico Preziosi che si aspettava esattamente il doppio e in cash senza alcuna contropartita tecnica. La vicenda Konko dunque ora sembra proporre nuovi scenari. In caso di mancata ricucitura con l'Inter, questa mattina è previsto un nuovo incontro, potrebbero tornare a farsi avanti gli spagnoli del Siviglia, ma nelle ultime ore si sarebbe parlato anche della Roma di Spalletti.
Tutto torna in discussione dunque, anche l'affare con la Juventus. «Dobbiamo valutare bene le cose» ha commentato Enrico Preziosi lasciando intendere che l'incontro con la società bianconera programmato oggi per le 15 a Torino potrebbe anche non portare alla cosiddetta fumata bianca. L'accordo con Raffaele Palladino è già stato raggiunto così come quelli con Matteo Paro e Domenico Criscito. L'affare sulla base di 8,5 milioni di euro sembrava un fatto semplicemente da ratificare con i dirigenti dalla Juventus pronti a fare cassa, ma il mancato incasso di Konko potrebbe ora frenare tutto. Sulla vicenda regna però ottimismo visto che considerato per domani alle 9 sono fissate le visite mediche proprio per Palladino. Se ne saprà di più nelle prossime ore mentre per altri affari il discorso potrebbe potrarsi addirittura al 30 giugno, giorno deputato per l'apertura delle buste delle comproprietà. La lista rossoblù è lunga ed è composta da quindici giocatori: Aurelio (a, Cesena), Barasso (p, Taranto), Borghese (d, Pescara), Bovo (d, Palermo), Colurcio (c, Sangiovannese), Forestieri (a, Siena), Iovine (c, Spezia), Lamantia (p, Novara), Paro (c, Juventus), Papa Waigo (a, Fiorentina), Renzetti (c, Lucchese), Santos (d, Albinoleffe), Tacchinardi (c, Cremonese), Vanden Borre (c, Fiorentina), Volpara (a, Lucchese). E con la Lucchese per Renzetti sembra già un'intesa di massima per il riscatto del giovane esterno sinistro destinato a farsi poi le ossa in una società di B prima del ritorno a Genova.
Intanto proprio ieri è partita la campagna abbonamenti con afflusso costante e poche code. Sono state circa 1000, comprendendo quelle dei club, le tessere sinora sottoscritte, da chi ha esercitato le prelazioni di Gradinata Nord. Dai primi riscontri sembrano aver avuto un discreto successo le agevolazioni pluriennali per gli Over 60 (in Tribuna Superiore con soli 100 euro) e quelle per i Distinti Special non vincolati a fattori anagrafici (210 euro).