Prezzi in ribasso: a rischio i giovani fra 15 e 24 anni

L’Mdma - MetilDiossiMetaAnfetamina - è il principio attivo dell’ecstasy. Si tratta di una droga sintetica che ha l’effetto di stimolare il sistema nervoso: chi la prende si sente euforico, non ha fame, subisce sbalzi della pressione e dell’umore. L’utilizzo di queste sostanze - insieme con anfetamine, Ghb e altri stimolanti - riguarda il 3,7 della popolazione, che ammette di averle provate almeno una volta. Lo 0,67 per cento dice di averle usate negli ultimi dodici mesi, lo 0,25 per cento negli ultimi trenta giorni. La fascia di età più a rischio è fra 15 e 24 anni: l’1,96 per cento dei ragazzi e lo 0,77 per cento delle ragazze dice di farne uso. A favorire la diffusione di queste droghe sono i prezzi bassi. Nell’ultimo anno il costo di una pasticca di ecstasy è diminuito di sei euro: dai 24 del 2006 ai 18, in media, del 2007. I sequestri sono invece aumentati, passando da 133.979 dosi scoperte nel 2006 a 393.457 del 2007.