Prezzi, spesa delle famiglie alle stelle: +11%

Raffica di aumenti dal 2004 a oggi: a pesare sui bilanci le spese per alimenti, le bollette della luce, l'acqua e i carburanti. Il boom degli aumenti per i generi alimentari è avvenuto nel  2007

Roma - Il conto della spesa delle famiglie italiane ha superato nel 2007 quota 900 miliardi di euro: rispetto al 2006 l'aumento del valore - che include quantità e prezzi - è stato del 3,6% mentre sul 2004 la crescita è stata di quasi 90 miliardi di euro (+11%). I prezzi corrono più velocemente dei consumi ma rispetto al 2006 la forbice diminuisce. Nel 2007 infatti la domanda delle famiglie è aumentata di più (+1,4%) rispetto all'anno precedente (+1,1%), mentre i prezzi hanno registrato una frenata (nel 2007 +2,2% a fronte del +2,7% del 2006) in base ai dati contenuti nella "Relazione generale sulla situazione economica del Paese 2007" del ministero dell'Economia.

Tra le voci che hanno registrato i maggiori rincari ci sono quelle legate all'abitazione, dalle bollette di luce e acqua ai lavori di manutenzione (+3,6%). Ma a pesare di più sui bilanci delle famiglie sembrano essere le spese per alimentari. La crescita dei prezzi nel comparto ha subito infatti una vera e propria accelerazione, dal +1,5% del 2006 al +2,9% del 2007. E la risposta delle famiglie è un deciso ridimensionamento dei consumi: l'aumento delle quantità di alimentari nella spesa degli italiani è infatti passato dall'1,5% del 2006 allo 0,1% del 2007. "Nel corso del 2007, i consumi delle famiglie residenti in termini reali sono cresciuti - spiega il Tesoro nella Relazione - dell'1,4%, migliorando il risultato ottenuto nel 2006 (1,1%). L'accelerazione è avvenuta in un contesto di graduale peggioramento del clima di fiducia e di un andamento delle retribuzioni reali meno favorevole".

Il ministero dell'Economia fa poi notare che "notevole" è risultata la crescita dei fitti imputati, cioé del reddito aggiuntivo di cui godono i proprietari di case per il fatto di non pagare l'affitto, che è passata dallo 0,1% del 2006 all'1,1% del 2007. Gli acquisti degli italiani nel 2007 si sono diretti specialmente verso le spese in comunicazioni e in trasporti. Tra le prime, si osserva l'ulteriore balzo del mercato delle apparecchiature telefoniche (10,6% dal 3,5% del 2006); tra i secondi, spiccano gli acquisti di mezzi di trasporto (5,2%).

"L'ulteriore rivalutazione della moneta europea ha inciso sulle vacanze, diminuite dello 0,4%", evidenzia ancora il ministero dell'Economia. Ma se gli italiani si muovono di meno, al contrario aumenta la spesa degli stranieri in Italia. Il turismo porta infatti nelle casse italiane esattamente il doppio di quanto gli italiani spendono all'estero: a fronte di 15,6 miliardi di euro spesi nel 2007 dagli italiani in altri Paesi, ci sono 31,5 mld spesi da stranieri sul territorio italiano.