Il prezzo delle case scende solo nei quartieri popolari

(...) Ci sono tuttavia alcune eccezioni. Nella relazione si legge che nel 2007 il prezzo massimo nel centro storico, nel triangolo Prè, Molo, Maddalena, è aumentato pure qui in maniera considerevole passando da 4000 a 4500 euro a metro quadrato. Così come i prezzi delle case, sempre sui massimi, sono aumentati anche a Sampierdarena, passati da 2700 a 2900 euro a metro quadrato, e a Sestri Ponente, da 2800 a 3000 euro a metro quadrato.
Il trend dell'andamento dei prezzi per il 2008 rimane stabile a Albaro, Carignano, Castelletto, in centro città, alla Foce, San fruttuoso, San Martino, Struppa, Molassana, Pegli, Prà. Dovrebbe aumentare a Quarto, Sturla, Quinto, Nervi, S. Ilario. Dovrebbe diminuire a Bolzaneto, Cornigliano, Marassi, Oregina, Pontedecimo, Prè, Molo, Maddalena, Rivarolo, sampierdarena, San teodoro, Sestri PonenteStaglieno, Valle Sturla, Voltri. In sostanza, per il 2008 nei quartieri popolari si dovrebbero registrare diminuzioni dei prezzi perché il mercato è già salito abbastanza. Mentre per gli immobili in zone di pregio i prezzi dovrebbero rimanere uguali o leggermente aumentare. Dovrebbero invece rimanere stabili e aumentare, con nessuna diminuzione, i prezzi degli immobili che si trovano nella riviera di levante, da Bogliasco a Zoagli con le solite punte di Portofino dove gli alloggi sulla celebre piazzetta vengono pagati oltre quindicimila euro a metro quadrato. A Savona il trend rimane stabile, soprattutto per i valori a metro quadrato delle abitazioni di medie dimensioni, mentre si registra un incremento dei valori delle piccole abitazioni. Secondo Assimil sia a Genova sia nel ponente ligure, è prevedibile quindi una diminuzione degli attuali livelli di prezzo con un riallineamento dell'offerta alla domanda.
«Nonostante la frenata registrata dal mercato immobiliare genovese - spiega il presidente di Assimil Lorenzo La Terra - il mattone non ha mai tradito nessuno. I dati seguono l'andamento nazionale e internazionale e rispondono alle specifiche cause che vanno affrontate con strumenti adeguati. Inoltre va sottolineato che, a livello generale, negli ultimi dieci anni il comparto ha segnato un incremento medio annuo del cinque per cento».