Le prime visite dal 7 dicembre

L’appuntamento è per il 7 dicembre, giorno di Sant’Ambrogio e «prima» anche per il Toti. Ci vorrà qualche mese per «musealizzare» il sommergibile già adottato dai milanesi. Lavori di messa in sicurezza e un percorso interno da allestire. Sì, perché questo gioiello della tecnologia post bellica potrà non solo essere ammirato dall’esterno, ma anche visitato. Ovviamente a piccoli gruppi, visti gli spazi particolarmente angusti. Una decina di persone alla volta, accompagnate da due guide del museo. Ridottissimi i tempi di attesa, dato che per poter accedere sarà necessaria una prenotazione. «Magari solo un quarto d’ora - spiega il presidente Michele Perini -, tempo che potrà essere impiegato per documentarsi sulle caratteristiche tecniche e sulla storia del sommergibile». Allo studio anche la possibilità di accesso per i portatori di handicap.