Primi controlli e tanti applausi I milanesi: «Vi aspettavamo...»

È una Milano liberata. Liberata dalla paura della criminalità e dall’insicurezza. «Ci applaudono, ci offrono da bere, ci abbracciano». Non se l’aspettavano un’accoglienza del genere i militari che ieri mattina (alle 6 e 30) hanno cominciato a presidiare siti sensibili e zone calde della città: Duomo, consolati, sinagoga; poi Baggio, stazione Centrale, via Padova. È lì che li ha raggiunti il ministro della Difesa, Ignazio La Russa: «Sta andando benissimo, temo solo una provocazione, un incidente non casuale. Mi aspetto più deterrenza che interventi». Grande prudenza e discrezione da parte dei soldati. Soddisfatti dell’operazione i partiti del centrodestra. Voci critiche dal Pd e da un sindacato di polizia, il Siap.