Primo maggio: mostre aperte e musei chiusi

Aprirà oggi una nuova linea di navigazione del Naviglio

Primo maggio. Giornata difficile per i turisti, ma anche per i milanesi che vorrebbero approfittare della vacanza per ammirare i tesori culturali della città. Porte serrate al Cenacolo vinciano e alla Pinacoteca di Brera, alla Triennale, al Museo Poldi Pezzoli e al Diocesano, e ancora al Museo di Storia naturale e alla Pinacoteca Ambrosiana. Oggi il gran numero di chiusure potrebbe far pensare che in questa giornata dedicata ai lavoratori non ci sia posto per la cultura. E invece no, turisti e milanesi non devono abbattersi. A compensare, almeno in parte, tutte queste delusioni ci sono infatti numerose opportunità.
Innanzitutto Palazzo Reale è aperto dalle 9.30 alle 19.30, offrendo così la possibilità di godere di ben quattro mostre: «Kandinsky e l’astrattismo in Italia», «Antonio Donghi», «Camera con vista - Arte e interni in Italia dal 1900 al 2000» e «La bellezza femminile nell’antico Egitto». Sarà inoltre visitabile, anche se solo fino alle 19, la personale di Chiara Dynys «Luce negli occhi», ospitata dalla Rotonda di via Besana.
Il Comune terrà inoltre aperti anche l’Acquario (gratuito), Villa Belgiojoso e i musei di Storia Contemporanea e della Scienza e della tecnica. Quest’ultimo, per l’occasione, ha organizzato la giornata di festa «In volo sulla Terra»: un affascinante viaggio esplorativo del pianeta attraverso mappe, ricostruzioni virtuali e immagini satellitari consigliato ai bambini dai 9 anni in su. Inoltre dalle 10 in poi sono in programma animazioni teatrali, visite guidate e attività educative, tutte incluse nel biglietto d’ingresso al Museo, ad eccezione della visita guidata al famoso sottomarino S-506 Enrico Toti.
Chi ancora non lo avesse fatto oggi potrà anche visitare la grande mostra monografica che la Fondazione Mazzotta ha dedicato a Paul Klee, dopo vent’anni d’assenza dalla scena milanese. Il grande successo registrato, con oltre 35mila ingressi sin dall’inizio di aprile, ha spinto infatti la direzione a prorogare l’esposizione fino al 13 maggio.
Da non perdere è poi l´Antiquarium Alda Levi, un sito archeologico romano sconosciuto ai più, ma di notevole importanza culturale. Unico sito milanese che il ministero per i Beni Culturali è riuscito a tenere aperto.
Infine una bella occasione per chi preferisce una gita fuori città, nonostante il tempo poco favorevole, è la partenza della seconda tratta di navigazione sui navigli, chiamata «delle Delizie». La linea verrà inaugurata oggi alle 15 a Robecco sul Naviglio alla presenza delle istituzioni.
Insomma, questo primo maggio milanese non sembra poi così povero di opportunità.