Primo maggio, scontri a Berlino e Istanbul

E' stata caratterizzata dalla preoccupazione per gli effetti della crisi economica globale, ma anche da violenti scontri fra manifestanti e forze di polizia in Paesi come la Turchia e la Germania, la festa del Primo maggio nelle varie capitali internazionali. I tafferugli, in particolare a Istanbul e in alcune città tedesche, hanno provocato anche numerosi feriti tra gli agenti e hanno dato luogo a decine di arresti.
TAFFERUGLI IN GERMANIA, DESTRA ATTACCA CORTEO Circa mezzo milione di persone si sono riunite in Germania per i cortei del Primo Maggio, esprimendo il loro malcontento in un paese in preda alla peggiore recessione dal dopoguerra. Gli scontri in città come Berlino e Amburgo tra la polizia e i manifestanti che protestavano contro la crisi economica si sono conclusi con almeno 50 agenti feriti. A Dortmund il corteo della confederazione sindacale Dgb è stato attaccato da circa 200 militanti di estrema destra: quasi 150 le persone fermate.
SCONTRI A ISTANBUL, 11 AGENTI FERITI Undici agenti sono rimasti feriti a Istanbul, dove gruppi di centinaia di manifestanti si sono scontrati per parecchie ore con la polizia, lanciando pietre, bottiglie molotov e bulloni, infrangendo vetrine di banche e negozi nel centro città. Sessantotto le persone arrestate. Per disperdere i manifestanti, la polizia è ricorsa all'uso di idranti, veicoli blindati e gas lacrimogeni. Circa ventimila gli agenti mobilitati nella città.
RUSSIA, CENTO FERMATI A SAN PIETROBURGO La polizia russa ha fermato un centinaio di simpatizzanti di estrema destra e di militanti contro l'immigrazione che cercavano di manifestare a San Pietroburgo. Sfilate si sono svolte in altre città russe.
MADRID E VIENNA, CRISI ED EQUITA' FISCALE Migliaia di manifestanti hanno sfilato a Madrid e in altre città spagnole per un Primo Maggio segnato dalla crisi e definito dai sindacati iberici come "il più importante" da 15 anni, di fronte all'economia del paese in pieno marasma. A Vienna circa centomila persone hanno partecipato al tradizionale raduno organizzato dal Partito socialdemocratico davanti al municipio della capitale austriaca, dove gli oratori hanno invocato più "equità fiscale".
SVIZZERA, TAFFERUGLI A ZURIGO dove diverse centinaia di manifestanti hanno affrontato le forze di polizia. Una dozzina le persone arrestate. Secondo un portavoce della polizia municipale, tra i 200 e i 300 manifestanti si sono scontrati con un centinaio di agenti in tenuta anti-sommossa. I tafferugli sono iniziati intorno alle 15 nella zona ovest della città elvetica e sono proseguiti per tutto il pomeriggio. I giovani dimostranti hanno affrontato la polizia con lanci di pietre, bottiglie e bombe molotov. I poliziotti hanno risposto con gli idranti oltre che con lanci di lacrimogeni e di pallottole di gomma. In mattinata, circa dodicimila persone avevano sfilato in un clima tranquillo nel centro di Zurigo
CUBA, "CULTURA DEL RISPARMIO" Cuba ha chiesto oggi alla popolazione di sviluppare una "cultura del risparmio" e una "maggiore dedizione al lavoro", nell'atto centrale del Primo Maggio capeggiato dal presidente Raul Castro.