Dal primo maggio le spoglie di Wojtyla esposte ai fedeli

La venerazione delle spoglie di Giovanni Paolo II sarà aperta ai fedeli domenica 1° maggio, subito dopo la cerimonia di beatificazione. È quanto rende noto la Sala stampa vaticana. Le spoglie di Wojtyla saranno esposte per la venerazione, che potrà realizzarsi sino ad esaurimento del flusso dei fedeli.
E per l’evento sono attesi oltre 2 milioni di pellegrini a Roma. «Un milione arriveranno dall’estero», ha puntualizzato il vicesindaco della Capitale, Mauro Cutrufo. Per la beatificazione di papa Giovanni Paolo II le strutture ricettive della Capitale sono ormai quasi sature e l’Opera romana pellegrinaggi sta individuando nuovi luoghi di accoglienza. Ancora da definire il programma della cerimonia, se e dove saranno esposte le spoglie, le modalità della funzione che chiuderà le celebrazioni.
Dal pomeriggio del primo maggio, concluso il rito della beatificazione che sarà presieduto personalmente da Benedetto XVI, si rinnoverà l’ininterrotto corteo dei fedeli di tutto il mondo che cinque anni fa restarono in fila giorni interi per rendere omaggio al corpo di Giovanni Paolo II nella Basilica di San Pietro. «La venerazione delle spoglie del nuovo Beato», rende noto la Sala Stampa della Santa Sede, «sarà possibile a tutti i fedeli la stessa domenica primo maggio, subito dopo la cerimonia della beatificazione e proseguirà fino ad esaurimento del flusso dei fedeli. Le spoglie del nuovo Beato saranno esposte per la venerazione nella Basilica di San Pietro, davanti all’Altare della Confessione». Solo dopo che tutti coloro che lo desiderano - e saranno sembra circa 2,5 milioni di fedeli - avranno reso omaggio alla bara di Giovanni Paolo II, si procederà «in forma privata» alla tumulazione nella cappella di San Sebastiano che si trova sulla destra della navata di San Pietro, subito dopo la cappella che ospita la Pietà di Michelangelo.