Primo rientro «sotto scorta»

Finite le vacanze, è stato il weekend del controesodo. Sono stati 250mila i milanesi che, tra sabato e domenica, sono tornati in città, 50mila in più dell’anno scorso. E con una metropoli che comincia a riempirsi, si sono fatti più intensi i controlli antiterrorismo. Il piano per la sicurezza predisposto dalle autorità per il weekend di Ferragosto, infatti, è stato rafforzato. A centinaia, tra carabinieri e agenti della polizia, hanno sorvegliato soprattutto aeroporti, stazioni dei treni e della metropolitana, ma anche chiese e luoghi di culto, consolati. «Rispetto allo stesso fine settimana del 2004 - spiega intanto Massimo Todisco, direttore dell’Osservatorio di Milano - i rientri sono stati superiori del 15 per cento. Non tanto perché il maltempo abbia convinto molti a tornare, ma perché la crisi economica si sta facendo sentire sulle tasche dei cittadini».
E in una città che conta 800mila presenze, alzano le serrande gli esercizi commerciali. Fra oggi e domani, infatti, oltre il 50 per cento dei negozi di Milano sarà aperto.