È il primo «santo» a curare questo morbo

Il presunto miracolo che potrebbe aprire per Giovanni Paolo II la via per gli altari è stato studiato dai medici francesi. La scienza non riesce a spiegare. Anche se spetta alla consulta medica della Congregazione delle cause dei santi pronunciarsi, si tratta di un caso importante. È la prima volta che una guarigione istantanea dal Parkinson viene presa in considerazione in un processo di beatificazione. Il postulatore della causa, monsignor Slawomir Oder, ha rivelato ieri che la religiosa francese è stata sottoposta a una perizia grafologica e psichiatrica: è stato così possibile, oltre alle cartelle cliniche che riguardavano la sua situazione neurologica, accertare il cambiamento evidente nella scrittura e si è acclarato pure che la donna non ha problemi psichici.
Il processo diocesano sul miracolo si è chiuso venerdì scorso in Francia e lunedì prossimo la religiosa sarà presente a Roma per la chiusura ufficiale della fase diocesana della causa di beatificazione. Monsignor Oder ha rivelato che alla Postulazione sono arrivate molte segnalazioni di grazie e di miracoli avvenuti per intercessione di Wojtyla.