Dal Principato a Rapallo per beneficenza

Allenamenti «top secret» - e per giunta lontano da Genova – per la Sampdoria, in vista di un derby sin troppo delicato. Venerdì e sabato, nell'ormai consueto ritiro di Novi Ligure, i blucerchiati si alleneranno a porte chiuse. Una scelta dettata sia dalla necessità di trovare la giusta concentrazione (improbabile a questo punto che si muovano in molti, tra i tifosi) e forse anche per fare un po' di pretattica, anche se tutto sommato non dovrebbero essere tantissime le novità di formazione rispetto alla gara col Brescia. Buone notizie comunque dal giudice sportivo: la presunta bestemmia di Pozzi dopo il primo gol contro i lombardi non è stata punita, mentre David Di Michele (bomber del Lecce, diretto rivale per la salvezza dei doriani) si è beccato addirittura tre giornate di stop, dopo una manata ad un giocatore del Chievo. Niente male, verrebbe da dire, anche perché la Samp può ancora contare sulle disgrazie altrui, visto il punticino di vantaggio sui salentini.
Ieri la ripresa a Bogliasco: di nuovo in gruppo Martinez, sempre out Padalino e Semioli. Le novità in formazione dovrebbero essere comunque minime: Da Costa al posto di un deludente Curci in porta, il ritorno di Volta dopo la squalifica (Lucchini in panchina) e il ballottaggio a centrocampo, al fianco di capitan Palombo, tra Tissone e Poli. In attacco probabile la conferma del tandem Biabiany-Pozzi.