Il Principe batte Mago Merlino e il vantaggio ora è da favola

LIVORNO
6 BENUSSI
Non ha colpe sui due gol, non deve compiere parate importanti.
6,5 DINIZ
Il più spavaldo, picchia più di Vieira e ferma in area Milito con grande scelta di tempo.
6 KNEZEVIC
Non ha colpe specifiche, l’Inter in area ci resta poco, tira due volte e segna due volte.
5 MIGLIONICO
Stordito dal tango di Milito in occasione del primo gol. L’argentino lo manda prima a sinistra, poi a destra, e la testa gira... gira.
5 RAIMONDI
Sgobba e rifila un calcio di frustrazione a Vieira che gli costa il cartellino giallo.
5 MORO
Inghiottito dal centrocampo dell’Inter riesce solo a nascondersi per non farsi notare da Cosmi che lo lascia in campo.
7 CANDREVA
Nel primo tempo tonico del Livorno calcia in porta e costringe Julio Cesar alla prodezza. Nel secondo tempo anonimo del Livorno calcia in porta e Julio Cesar si ripete.
5 VITALE
Tocca pochi palloni, un’altra vittima del centrocampo interista. (8’ st Danilevicius 5. Il nulla).
6 PIERI
Lavora sodo sulla corsia di Maicon in giornata devastante.
5 PULZETTI
Cosmi lo schiera per trovare varchi, lui lascia voragini sulla fascia. (28’ st Dionisi s.v.)
5 TAVANO
Mostra il peggio quando simula un rigore su pensiero di Lucio.
6 All.: Cosmi
Mago Merlino ha fatto miracoli, ieri non sono bastati.
INTER
7 JULIO CESAR
Due tiri nella sua porta e sono due prodezze sempre su punizione e sempre su destro di Candreva. Rischia su un pallonetto di Tavano alla mezz’ora del secondo tempo.
7 MAICON
Il primo a ribaltare il fronte dell’azione e catapultarsi in attacco. Giornata da incorniciare che chiude al 35’ della ripresa con una puntata di sinistro dal limite dell’area livornese che tumula il risultato.
6 CORDOBA
Tavano in giornata mediocre non crea problemi. Adesso il devoto colombiano torna nelle retrovie, a Kiev ci saranno Lucio e Samuel.
6,5 LUCIO
Si vede poco in avanti nonostante l’inconsistenza dell’attacco avversario. Avvilisce Tavano in continuazione.
6,5 ZANETTI
Manca un facile controllo e tutti pensano sia la foto ingiallita dell’Inter di Livorno. Non perde più un pallone e si fa beffe degli avversari per il resto della partita e tutti pensano che sia tornata la normalità.
6,5 KRHIN
Fa un tempo e non sbaglia neppure un pallone, ligio, rispettoso e semplice (1’ st Eto’o 6,5. Accelerazioni impossibili da frenare).
7 VIEIRA
Uno degli artefici della vittoria. Sbaglia la palla gol più limpida del primo tempo, quando si trova solo in area e colpisce di testa per nessuno. Toglie dagli impicci i compagni, in mezzo mena come al solito e serve Maicon per il 2-0.
sv MUNTARI
Solita partita di sostanza, poi si infortuna (28’ pt Cambiasso 7. Trasforma le difficoltà in opportunità, entra lui e l’Inter sbobina un torello defaticante)
5,5 MANCINI
Il torello finisce quando la palla arriva a lui, il giocatore con le maniglie dell’amore. Ieri meno peggio del solito.
6,5 STANKOVIC
Serve Milito per l’1-0. Mourinho è terrorizzato all’idea di non averlo a Kiev e lo toglie per farlo respirare (dal 23’ st Samuel sv. Negli ultimi minuti per irrobustire il muro e consentire a Zanetti di salire sulla riga del centrocampo).
7 MILITO
Non sta giocando da Milito ma fa gol alla Milito, il settimo. Dopo la sua rete l’Inter imballata del primo tempo diventa padrona della partita, del campionato e dei suoi destini.
7 All.: Mourinho
Azzarda Milito solo davanti a tutti e l’argentino gli fa gol. Anche con l’emergenza coglie la nona vittoria in undici partite ma se toglie Muntari gli entra Cambiasso, se toglie il giovane Krhin subentra Eto’o, quando decide di far riposare Stankovic lo sostituisce con Samuel. Lui è bravo, ma anche questa stupenda armata che gli ha messo a disposizione Moratti fa il suo.
Arbitro: Morganti 6. Gara innocua.