PRO ESONERO È un tecnico romanista

Pregevolissimo Dott. Massimiliano Lussana. Alleno, vinco, mi cacciano! Questa è la scaletta alla quale il Dott. Preziosi s’è attenuto. Ha avuto quel coraggio che mancò al Presidente dell’Inter, Moratti, quando non allontanò Simoni alla fine di quel campionato che gli valse, mi pare di ricordare, la Coppa Italia.
Ma il divorzio si materializzò poco dopo.Fu vera cattiveria? Non mi pare che l’Inter brillasse per un gioco sublime.Il caso del dottor Preziosi ha, secondo me, risvolti diversi: mai forse sapremo nel dettaglio l’iter della mancata conferma. Il Presidente Preziosi si sarà certamente seccato che il suo allenatore, che predicava amore eterno ai Rossoblù non abbia smentito, vibratamente, che alla Roma non ci sarebbe andato, se non dopo la fine del contratto col Genoa. Ed il campionato del girone di ritorno non credo esalti nessun tifoso, figuriamoci il presidente. Ricordate il mancato abbraccio di Caccia a Cosmi dopo la sua rete di Genoa-Cesena? Però, e qui sta il nocciolo della faccenda, se la squadra è «con» Cosmi, l’eccellente (e triste) Guidolin avrà il suo bel daffare.