La Pro Recco riparte oggi dalla Scandone

Terza puntata per la finale scudetto di pallanuoto. Questa sera si replica alla Scandone di Napoli: alle 19 (con diretta su Rai Sport Sat) la Pro Recco è chiamata ad una prova di carattere contro il Posillipo, che solo due giorni orsono ha strappato una vittoria insperata alla Ferro di Recco. Arbitri Antonio De Meo di Cagliari e Cristina Taccini di Torino. C’è voglia di riscatto nel clan biancoceleste. «Brutti» per essere veri, nervosi, imprecisi: la vittoria di qualche giorno prima alla Scandone ha generato qualche sicurezza di troppo. Il rammarico più grande della serata di martedì sta nel fatto che non c’è stata la lucidità necessaria per approfittare della sacrosanta espulsione di Zlokovic. L’automatica squalifica per due giornate di uno dei giocatori più in forma del Posillipo non deve però diventare motivo di distrazione.
«Solo chi non conosce la pallanuoto e le dure regole dei playoff – dice Pino Porzio, tecnico della Pro – può cadere nell’errore di pensare che vincere uno scudetto sia una passeggiata. Noi ripetiamo da settimane che il Posillipo è una squadra fortissima, con dieci nazionali, imbattuta in campionato fino alla gara di venerdì scorso e a Recco sono stati più bravi loro. Anche noi siamo molto forti e mi sembra normale che nell’arco di una finale ci possano essere delle sorprese. Ho la sensazione che ne vedremo delle altre».
Se lo dice lui, che da giocatore ha vinto tutto e di più ...