Processione in mare con Sant’Erasmo

Santa Margherita ligure vive un fine settimana di grandi festeggiamenti per celebrare i 660 anni di fondazione dell’Oratorio di Sant’Erasmo (1347- 2007). Le celebrazioni, che hanno preso il via ieri alle 18 con il triduo solenne celebrato dall’arciprete della basilica di Santa Margherita Luciano Smirni (triduo che si terrà anche oggi e domani), proseguiranno questa sera alle 21 con le danze sulla piazzetta Sant’Erasmo. Sempre tra sacro e profano, domani ci sarà l’intronizzazione della statua sulla restaurata arca argentea, con la benedizione della tradizionale «galletta del marinaio». E mentre il quartiere di «Corte» espone le bandiere e prepara l’illuminazione per la sera, alle 15, nello specchio acqueo di piazza Martiri della Libertà, si svolgerà la tradizionale rergata di canoe, primo trofeo Sant’Erasmo della società Argus di Santa Margherita. Alle 21 concerto del coro. Domenica il clou della festa. Si comincia al mattino con la Messa solenne celebrata alle 11 da don Borinato, responsabile delle confraternite della diocesi, e si prosegue alle 15 con la processione in mare con la statua di Sant’Erasmo sui motopescherecci alla volta della Cervara, con deposizione di corone di alloro in ricordo dei caduti in mare. Chi vorrà potrà usufruire, presso l’imbarcadero di piazza Martiri della Libertà, dell’imbarco gratuito sul vaporetto per seguire la processione che alle 17 sbarcherà sulla terraferma e proseguirà lungo le vie di Corte e dei moli foranei con i tradizionali «Cristi», le confraternite e la banda cittadina diretta dal maestro Cardinali. Gran finale col concerto di campane della ditta Trebino di Uscio e con la volata di fuochi d’artificio della ditta Leverone.