Processo al cronista Baudo

Da decenni incarna «la» televisione stessa. Eppure solo adesso l’Ordine dei giornalisti ha scoperto Pippo Baudo. O meglio, ha scoperto che il Pippo nazionale, oltre all’attività di presentatore e show man, fa anche qualche spot pubblicitario. «Orrore, Pippo non può», ha detto l’Ordine colto da subitanea illuminazione sul personaggio. Perché Pippo, prima di diventare Pippo Baudo, nel 1968 - 40 anni fa - aveva preso il tesserino di giornalista pubblicista. E il codice deontologico dei giornalisti vieta queste attività. Di qui, su segnalazione del segretario del Consiglio nazionale Enzo Iacopino, l’apertura contro di lui di un procedimento disciplinare da parte dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia.