Processo Gea, Baldini: "Minacciato da Moggi"

L'ex ds della Roma dichiara in aula: "Mi ha minacciato prima di entrare. Mi ha detto 'Guarda che finisci male'. Non ne posso più"

Roma - "Sono stanco di questa situazione: sono stato minacciato da Luciano Moggi questa mattina prima di entrare in aula. Mi ha detto 'buongiorno pezzo di merda' e poi con il dito puntato a pochi centimetri da naso ha aggiunto: 'guarda che così finisci male'. Io gli ho risposto 'se fossi in te non aggraverei la tua posizione'". Franco Baldini, ex direttore sportivo della Roma, general manager della nazionale inglese, è stato protagonista ancora una volta, insieme con Luciano Moggi, nella ennesima udienza del processo Gea, che vede imputato lo stesso Moggi e il figlio, con una rivelazione al presidente della decima sezione penale, Luigi Fiasconaro, di essere stato minacciato. Baldini ha chiamato a testimone delle frasi di Moggi uno dei giornalisti presenti al processo, Ettore Intorcia del Corriere dello Sport. L’ex dirigente della Roma aveva appena terminato il confronto con il calciatore del Catania, Davide Baiocco - sollecitato dal pm Luca Palamara - che aveva per oggetto le versioni contrastanti tra i due, quando ha fatto la denuncia che il presidente Fiasconaro ha trasmesso per competenza al pubblico ministero per la valutazione.