Processo Mori blindato. Non per i ladri

Può accadere, in uno dei palazzi di Giustizia più sorvegliati d’Italia qual è quello di Palermo, che qualcuno entri in un’aula, frughi in una borsa, e porti via un computer senza che nessuno lo blocchi? E può succedere in un processo iperblindato qual è quello a carico dell’ex direttore del Sisde Mario Mori (nella foto) e del generale dei carabinieri Mauro Obinu? No, dice la logica. Sì, eccome, dice l’avvocato ed ex senatore Piero Milio, che durante la sospensione di un’udienza del processo (lui difende Mori), si è visto sparire il pc. «Voglio sapere come sia possibile una cosa simile», tuona il penalista. Naturalmente, secondo le migliori tradizioni, nessuno ha visto nulla.