Processo a omicida di padre Santoro

È cominciato ieri il processo a Ouzhan Akdil, il sedicenne accusato dell’omicidio di don Andrea Santoro, il missionario ucciso a Trebisonda, in Turchia, lo scorso 5 febbraio. Un processo che appare destinato a svolgersi non solo a porte chiuse, come impone la legge quando gli imputati sono minorenni, ma anche sulla base della tesi ufficiale del «gesto isolato di un fanatico». Akdil ha confessato il delitto dicendo di essere sconvolto dall’ondata di violenze seguita alla pubblicazione delle vignette su Maometto. La prossima udienza si terrà il 14 giugno.