La Procura apre l’inchiesta vu’ lavà

La Procura di Bologna ha aperto un fascicolo dopo l’articolo uscito sabato 15 sul Giornale nel quale il cronista Nino Materi, che si è finto lavavetri a un incrocio della città, denunciava di essere stato avvicinato da un uomo di etnia rom che gli ha intimato di andar via. Il fascicolo, affidato al pm Valter Giovannini, per ora riguarda «atti relativi a fatti non costituenti reato». Nei giorni scorsi era stato il sindaco della città Sergio Cofferati a porre il problema dei lavavetri ai semafori avanzando l'ipotesi di un racket e ad annunciare una stretta sul fenomeno. Parole che hanno acceso la polemica tra le forze politiche locali.