La Procura chiede: «In archivio l’inchiesta sull’erede Savoia»

Como. La Procura della Repubblica di Como ha chiesto l’archiviazione delle due inchieste aperte su Vittorio Emanuele di Savoia, sull’ex sindaco di Campione d’Italia Roberto Salmoiraghi e su altre quattro persone. I fascicoli furono aperti dalla Procura di Potenza nel giugno scorso, e poi trasferiti per competenza territoriale a Como in quanto riguardanti episodi avvenuti a Campione d’Italia. Le indagini erano due: una ipotizzava il reato di corruzione, mentre la seconda riguardava il reato di sfruttamento della prostituzione e in particolare il presunto reclutamento di ragazze da offrire ai giocatori del casinò di Campione. Indagati erano Vittorio Emanuele, Roberto Salmoiraghi, l’imprenditore Ugo Bonazza, il conte comasco Giuseppe Rizzani e un'amica di Bonazza, la serba Vesna Tosic.