«Prodi non finanzi chi distrugge la vita»

Sul caso staminali il governo rischia la spaccatura. Il ritiro dell’adesione al codice etico dell’Ue deciso dal ministro Mussi ha fatto arrabbiare la Margherita: «Alla prossima riunione di Bruxelles ritiri l’atto». Ma nella maggioranza i Verdi, la Quercia e la Rosa nel pugno si schierano con Mussi, mentre Prodi è furioso con il suo ministro. Intanto il quotidiano della Cei chiede al premier coerenza («Non finanzi chi distrugge la vita. La scelta di Mussi è stata politica») e in Vaticano cresce la preoccupazione: «È solo l’inizio».