«Con Prodi a rischio 50 grandi opere»

Sono 50 in tutto le infrastrutture stradali e ferroviarie lombarde a rischio dopo l’alt intimato dal governo alla realizzazione delle grandi opere per mancanza di fondi nelle casse di Anas e FS. Un rischio che mette in apprensione il governatore Roberto Formigoni, da sempre strenuo sostenitore dello sviluppo infrastrutturale. «Al momento sono solo dei boatos - riferisce Formigoni al Giornale - e per questo preferisco essere prudente e non fare il bombarolo. Però il rischio è alto e il danno per la Lombardia gravissimo». Se infatti lo stop ai progetti venisse confermato, in regione salterebbe quasi tutto. «Potremmo realizzare solo la BreBeMi, la nuova direttissima Milano-Bergamo-Brescia - conferma il governatore lombardo - solo perché ha già ottenuto la copertura da Anas». In forse pure i cantieri già esistenti (come quelli sull’A4 per la quarta corsia), così come i progetti che hanno ottenuto il via libera dal Cipe (come la Pedemontana). «Mi auguro di no - dice Formigoni - perché sarebbe un disastro.Per questo voglio ricevere al più presto chiarimenti dal governo».