La prof si fa toccare dai suoi studenti. Nuovo video scandalo

Il filmino osé è stato girato in una scuola superiore di Lecce ed è finito sul sito "Youtube". L’insegnante respinge ogni accusa: "Non mi ero accorta di nulla"

Lecce - Un filmino osé girato a scuola, in un istituto superiore privato della provincia di Lecce e fatto rimbalzare su Internet: nelle immagini si nota una professoressa che si lascia palpeggiare dagli alunni, ma la docente respinge le accuse e il suo avvocato, Massimo Bellini, precisa invece che la donna inizialmente non si era accorta di nulla e ha subito dato l’allarme appena si è resa conto di quanto stava accadendo.
Adesso su quelle riprese, un minuto e 21 secondi girati con un telefono cellulare, indaga la procura, che ha aperto un’inchiesta contro ignoti per fare luce sull’ultimo, squallido episodio verificatosi in classe. Anche questa volta il caso riguarda un video approdato sul sito Internet Youtube. Le indagini sono dirette dal sostituto procuratore del tribunale di Lecce Maria Cristina Rizzo, il magistrato che si occupa dei reati a sfondo sessuale. I carabinieri del comando provinciale hanno già trasmesso il filmato al pm, che ha disposto tutte le verifiche. I militari sono alla ricerca di riscontri e stanno anche accertando se ci sia stata una manipolazione delle riprese. Le indagini comunque partono da lì, da quel minuto e ventuno secondi, dalla giornata di follia in un’aula scolastica; successivamente, dopo l’esame del video, potrebbero scattare gli interrogatori nel tentativo di raccogliere testimonianze utili. Per il momento nell’inchiesta non ci sono indagati. Nello stesso tempo, sono stati avviati accertamenti anche dal provveditore agli studi di Lecce, Antonino Campanelli.
La storia del filmino a luci rosse ha già fatto il giro di tutta la provincia salentina. E non solo, dato che il video è approdato su Youtube. E i commenti e i dubbi in queste ore si rincorrono. Nel corso di quel minuto e ventuno secondi è ben visibile il volto della professoressa. È seduta al suo posto, alla cattedra, ha una penna nella mano destra. Ma subito dopo l’obiettivo della telecamera riprende tre ragazzini alle sue spalle, due sono riconoscibili in volto: il primo le cinge la vita, gli altri infilano le mani nei pantaloni della prof e le toccano il fondo schiena, fino a quando la docente non li allontana. Il fatto risale al marzo dell’anno scorso, ma soltanto ieri la professoressa è venuta a conoscenza dell’esistenza di un video e il suo legale è pronto a presentare una denuncia per diffamazione. «La mia assistita – spiega l’avvocato Bellini – non si è resa conto di quanto stava avvenendo: in quel momento c’era grande confusione, la lezione era finita e gli alunni erano attorno alla cattedra; qualcuno era alle sue spalle, in realtà nel video si nota che la docente non viene toccata e soltanto in una circostanza si sente sfiorare: a quel punto – conclude - allontana subito gli studenti».
L’avvocato tiene anche a precisare che la donna «ha seguito correttamente le procedure previste dalle gerarchie scolastiche» e si è subito rivolta al preside dell’istituto chiedendo la convocazione dei genitori dei responsabili. «Non ha voluto presentare denuncia solo per non rovinare la vita di ragazzi così giovani, di 16 e 17 anni», aggiunge il legale. Adesso la docente lavora in un istituto alberghiero. «Un trasferimento normale, non è stata lei a chiedere di cambiare», precisa il legale. Lei stessa avrebbe confidato al nuovo preside l’esistenza del filmato. La donna però respinge qualsiasi accusa: il video sarebbe stato girato a sua insaputa.
Annunci
Altri articoli