Prof stacca il crocifisso e lo cestina. Il preside: «Sospeso»

Un insegnante di Lecco, Gianfranco Redaelli, ha staccato il crocifisso appeso al muro di un’aula e lo ha gettato via. In un cestino secondo alcuni testimoni. Il fatto è stato segnalato al preside da un altro docente. Il ministro per la Semplificazione, il leghista Roberto Calderoli ha chiesto subito al collega dell’Istruzione Mariastella Gelmini di intervenire. «Mi chiedo quale sia lo spessore pedagogico di questi insegnanti» ha commentato l’assessore regionale Giulio Boscagli, pdl e lecchese. Il preside, Roberto Peverelli, ha informato dell’episodio il provveditore, ed è stato subito aperto un provvedimento disciplinare. L’insegnante si è scusato con il preside, i colleghi e gli studenti: «Si è trattato solo di un momento di nervosismo», ha scritto in una lettera. Considerate le scuse, il dirigente è orientato ad applicare una sanzione lieve, quella che rientra nei suoi poteri: fino a 10 giorni di sospensione dall’insegnamento e dallo stipendio. La Curia milanese, con il responsabile della Pastorale giovanile don Carlo Luoni, parla di «un gesto di disprezzo».