Il professore sempre in malattia per andare in ferie

All’inizio dello scorso anno, c’era stato il professor M. che per tre anni ha accumulato indebitamente assenze per malattia, pagate dallo Stato. Ma il professor M., docente in una scuola media superiore, non è l’unico della sua categoria ad aver dimostrato una scarsa propensione al lavoro. In un caso ancora in istruttoria, un insegnante - nei 25 anni di carriera - avrebbe «abusato» dei falsi certificati di malattia. Un caso limite, ma non isolato. Il procuratore Spadaro, infatti, parla di quei «docenti che gettano discredito sull’intera meritoria categoria». Tipologia classica, l’incarico in Lombardia e la famiglia di origine nel sud Italia. Denominatore comune, proprio «il numero rilevantissimo delle assenze, la loro collocazione strategica in determinati periodi dell’anno, un’imponente documentazione medica giustificativa attestante patologie le più disparate che, però, si manifestano in misura pressoché esclusiva durante i soggiorni nella terra di origine». Anche per questo, Spadaro invita i medici a «comportamenti deontologici», proprio per limitare il fenomeno delle «certificazioni facili».