Profitti record per Ras: 905 milioni (+27,9%)

da Milano

Positiva reazione in Borsa all'annuncio che Ras distribuirà un dividendo di 0,88 euro per azione, +10% rispetto al 2004. La cedola (stacco il 25 maggio) avrà un rendimento di poco superiore al 4% rispetto alla chiusura di ieri (21,51 euro, +1,94%), e del 5% sul prezzo medio del 2005 (17,6 euro circa). Il rialzo ha creato una forbice con le quotazioni della capogruppo Allianz che in serata valevano 133,73 euro (+1,8%), pari a una valutazione implicita di Ras di 21,11 euro al prezzo di concambio fissato in 3 azioni Allianz ogni 19 azioni Ras. La compagnia italiana, in vista della distribuzione della cedola, si è disallineata dunque dalla capogruppo, muovendosi invece con il resto delle compagnie italiane. Quanto ai risultati Ras ha in alcuni punti anticipato gli obiettivi del piano triennale al 2006: l'utile netto 2005 ha chiuso a 905 milioni (+27,9%; è il più elevato nella storia della compagnia) contro l'obiettivo di 820 milioni per il 2006 e anche il valore della nuova produzione vita, con i 209 milioni del 2005 ha già battuto i 205 previsti per il 2006. Il roe (ritorno sul capitale) è cresciuto al 14,6% dal 12,4% del 2004.
Per completare la fusione con Allianz, ha detto l'ad Paolo Vagnone, manca solo un'ultima procedura formale: dopo il via libera dei soci Allianz e Ras, giunto dalle assemblee i primi di febbraio, è prevista ora che venga formalizzato il coinvolgimento dei lavoratori nel supervisory board. Il tempo limite per l’adempimento è di sei mesi e scadrà quindi a settembre, ma non è escluso che l'iter si concluda prima. Per quanto riguarda il delisting dei titoli Ras, Vagnone ha ricordatoche Allianz ha più volte ribadito l'intenzione di tornare in piazza Affari.