Profumo: «In Capitalia commessi errori»

Unicredit

La fusione di Capitalia in Unicredit ha portato a commettere «qualche errore nell’assistenza alle imprese medio-grandi clienti della ex Capitalia che in qualche caso si sono sentite orfane». Alessandro Profumo, amministratore delegato di Unicredit, fa un parziale mea culpa a margine di una tavola rotonda sul ruolo di Unicredit-Banca di Roma nella capitale. Tra gli interventi quello di Pierluigi Toti, numero uno della Lamaro appalti, che ad Unicredit ha chiesto di «salvaguardare la vicinanza alle imprese romane e la loro conoscenza ora che non c’è più fisicamente una grande banca nella città».