Il profumo della carta, la velocità del web

Caro Massimiliano Lussana lasciami passare una battuta: «A Genova “hai gioco facile» visto le testate che ti fanno concorrenza».
Però una cosa diversa «Il Giornale» grazie a Massimiliano certamente ha. L’umanità nel modo di scrivere, la sensibilità verso i problemi reali, l’imparzialità nelle critiche come nei complimenti oltre all’unicità di aver creato una «famiglia». La famiglia dei lettori de «Il Giornale» edizione genovese. Vedi caro Massimiliano io certamente non mi posso annoverare tra i lettori più antichi di queste magnifiche pagine, ma posso sicuramente dire che da quando vi ho conosciuto sono un affezionatissimo lettore che tutti i giorni vi segue sia acquistando in edicola la versione cartacea sia dalle pagine web da te tanto vilipese. Sono due cose diverse, il profumo della carta stampata e l’orgoglio di appartenenza, l’immediatezza della notizia e l’immediatezza di poterla commentare in diretta. Magari votando l’articolo più sentito e bello. Anche questa è partecipazione. Consultazione web è anche diffusione del messaggio, curiosità che poi si traduce in acquisto del quotidiano per l’approfondimento. Pazienza poi se qualche politico usa impropriamente sia la pagina web che il quotidiano cartaceo.
Altra cosa particolare di queste pagine è la libertà di espressione e partecipazione da parte del lettore. Uno potrebbe rimarcare che oramai tutti i quotidiani danno ampio spazio a rubriche simili. Non è così, per il semplice fatto che la concorrenza pubblica sì gli articoli, ma il più delle volte limita le battute e/o censura parte degli articoli scritti. Non è cosa da poco, per chi scrive dei concetti compiuti. Insomma, un grazie a Te e a tutta la redazione perché avete reso possibile un’informazione diversa nella nostra Genova dove tutto sembra sempre cambiare ma poi alla luce dei fatti «nulla si muove».