Dal profumo al colore dei capelli I trucchi per sedurre a 70 anni

da Bologna

C’è l’antirughe al pomodoro, il trattamento corpo a base di yogurt, muesli e miele, la schiuma da bagno al cioccolato e il profumo che sa di zucchero filato. La nuova bellezza è tutta da mangiare dicono alcuni tra i 2.176 espositori del quarantesimo Cosmoprof in corso a Bologna fino a domani. Altri preferiscono prolungare all’infinito la seduzione con creme studiate per la pelle delle settantenni e tinture per le donne con alta concentrazione di capelli bianchi. «La terza giovinezza è il mercato del futuro» dicono i portavoce de L’Oréal, colosso della cosmesi che lancia «Color Supreme», una rivoluzionaria colorazione anti-âge.
«Il capello bianco cambia la tinta e dopo una certa età le donne rischiano il biondo-menopausa: una cosa che invecchia almeno quanto la ricrescita alla Pippo Baudo» spiega Aldo Coppola, autentico guru dell’acconciatura che oggi si esibirà con la sua equipe davanti al pubblico del Cosmoprof: 50mila parrucchieri da tutto il mondo. Sempre L’Oréal ha scelto una testimonial come Jane Fonda (70 anni il prossimo dicembre) per una potente crema antirughe che appartiene allo stesso filone di «Magnifica», capolavoro d’ingegneria cosmetica creato da Collistar per le nonne decise a sembrare al massimo delle zie. D’altro canto le statistiche dicono che il numero di donne tra 55 e 64 anni aumenterà del 37% nel 2020 rispetto al 2000. È proprio il target che nell’87% dei casi consuma prodotti cosmetici.
I profumi, invece, piacciono a ogni età e da soli rappresentano il 26% del consumo globale. La classica rosa diventa moderna e grintosa nelle fragranze Ferré Rose e Bulgari Rose Essentiel. Max Mara ha la boccetta rosa ma è a base di fiori di seta: una nota olfattiva mai usata prima. Che dire allora della relazione pericolosa tra limone e caffè voluta da Giorgio Armani in persona per Attitude, il suo nuovo profumo maschile? «Divide il mondo in due - dicono gli esperti - ma se piace è per sempre». Piacciono moltissimo anche le note ozonizzate di Pure White Linen, straordinaria riedizione di un grande classico firmato Estée Lauder e quelle al ghiaccio blu di Just Cavalli Black. Ha suscitato molta curiosità il Profumo Antonio De Curtis, un viaggio olfattivo nel ricordo di Totò e della magia del suo stile tipicamente partenopeo. Al Cosmoprof ha debuttato anche la linea per il trucco ck di Calvin Klein che segna la nascita del lusso accessibile ma non scontato nei prodotti da make up visto che un rossetto costerà 15 euro, il fondotinta 22 e il lucidalabbra 12 nonostante il packaging firmato dall’art director Fabien Baron.
Divertentissimi i minirossettini da attaccare al cellulare come ciondolo (si chiamano Effetto 3 D e sono di Bourjeois) mentre i trattamenti proposti dal Gruppo Gts (il colosso italiano degli istituti di bellezza) sono il massimo della goduria. Si passa da «Energia Bianca» per tonificare il corpo e nutrire la pelle dei piedi con diverse applicazioni di yogurt, muesli, gelatina e miele. Ci sono i massaggi con fagottini di riso, conchiglie oppure pennelli di seta e quelli con sacchetti di sabbia calda. C’è soprattutto Fisiosphère, nuova filosofia del benessere individuale lanciata come «Il piacere sulla pelle» nei centri Olos. Invece Thalgo, marchio specializzato nella talassoterapia e nell’uso cosmetico delle alghe, lancia «Thalgomince Lc24», un trattamento anticellulite a lento rilascio: è come massaggiarsi con una potente crema riducente per 24 ore di fila.