Progetto Arcomed: più binari per avvicinarci al Nord Europa

Migliorare i collegamenti infrastrutturali tra le regioni dell’arco nord del Mediterraneo (Liguria, Paca e Catalogna), in particolare quelli ferroviari e via mare, per arrivare ad ottenere il riconoscimento di Rete Transeuropea nell’agenda della Comunità Europea: è l’obiettivo del progetto Arcomed, finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Interreg IIIB Mediterraneo Occidentale, il cui primo seminario ligure si è aperto ieri nella sede della Camera di Commercio di Genova. «C’è un coordinamento per arrivare rapidamente ad una stesura e un’armonizzazione dei vari progetti per dare al sud dell’Europa pari opportunità dal punto di vista dei trasporti - ha detto Paolo Odone, presidente di Unioncamere Liguria -. Oggi le infrastrutture sono oberate dal trasporto su gomma, con un’ipotesi di crescita del 10% ogni anno, e visto che al momento non ci sono progetti per l’ampliamento delle autostrade, occorre puntare molto sulla ferrovia e sulle autostrade del mare». Ai lavori ha partecipato anche del presidente della Regione, Claudio Burlando. «Bisogna puntare sulle ferrovia - ha detto -: non è accettabile che per andare da Genova a Barcellona ci vogliano 18 ore cambiando treno tre volte».