Un progetto cancellerà le ferite della guerra

Che a mezzo secolo dalla fine della guerra esistessero ancora a Milano delle rovine belliche nel centro storico è qualcosa cui si stenta a credere. Eppure solo oggi la zona che riguarda il quadrilatero tra Corso Magenta, via Santa Maria alla Porta, via Gorani, e via Brisa è interessata da un lavoro di recupero architettonico e ambientale che finalmente eliminerà le tracce dei bombardamenti e gli edifici pericolanti rimasti in piedi che fino a oggi si sono mantenuti. Non si parla solo dell’avvio di un nuovo piano regolatore che riguarda aree speciali, ma anche di una risistemazione di tutto quell’insieme di incuria, abbandono, trascuratezza del verde (...)