Il programma? Bastonare Silvio

Dibattito a sinistra: che fare del conflitto di interessi in caso di vittoria elettorale? Se si legifera, si mette fuori gioco l’avversario votato da milioni di italiani. Se lo si lascia in campo, partono i girotondi e le accuse di «inciucio». Come fai, sbagli. Nel 1996, l’Ulivo consentì a Berlusconi la rivincita. Questa volta l’orientamento sembra opposto: fare una legge ad personam per fermare la sua avventura politica. Ieri, sulla prima pagina del «Manifesto», Alessandro Robecchi ha scritto: «Mi permetto di suggerire l’articolo 1, ben sintetizzato da una massima di Mao: “Bastonare il cane che affoga”». E poi non si dica che l’Unione non ha un programma condiviso, chiaro e anche sintetico...