In programma il tributo a Dino Risi e un assaggio di alta moda

Aldo Cazzullo per la saggistica; Alberto Angela per la divulgazione scientifica e culturale; Antonio Di Bella per l’informazione; Candido Cannavò per le inchieste giornalistiche; Caterina Bonvicini (autrice di L’equilibrio degli squali, Garzanti) per la narrativa. Sono questi i vincitori, annunciati ieri, della trentesima edizione del premio Fregene.
La consegna dei riconoscimenti è in programma sabato prossimo, alle 20.30, nella pineta monumentale di Fregene. La giuria ha anche assegnato un premio speciale a Facce di bronzo, della piccola biblioteca Oscar Mondadori, che raccoglie numerosi racconti di personaggi del mondo della cultura e del giornalismo.
Nel corso della serata Laura Delli Colli, una dei membri della giuria, mostrerà un breve video con Dino Risi in ricordo della serata del 2004 quando il regista ritirò il premio Fregene per il libro I miei mostri. Inoltre Paola Cacianti presenterà, in anteprima assoluta, l’abito della maison Gattinoni, omaggio alle tre grandi religioni monoteiste: cristianesimo, ebraismo ed islam.
Il premio consiste quest’anno in una scultura appositamente realizzata dal design e storico dell’arte Claudio Franchi.
Nell’area della pineta saranno esposte anche quattro opere di Ettore Roesler Franz, il più noto acquarellista italiano, che raffigurano le paludi di Maccarese.