Un programma di vera qualità per le cardiologie negli ospedali

L'Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri(Anmco), fondata nel 1963 ha oggi oltre 6000 iscritti. I cardiologi di questa associazione no profit operano nell'ambito del servizio sanitario nazionale in 850 strutture cardiologiche, 416 unità coronariche e 254 laboratori di emodinamica. Il presidente nazionale dell’Anmco da circa un anno è il professor Marino Scherillo, primario della cardiologia interventistica e dell'unità terapia intensiva cardiologica(Utic)) dell’Azienda ospedaliera Rummo di Benevento.
«Il nostro fiore all’occhiello è il Centro studi, che ha sede a Firenze – spiega Scherillo - dove si trova anche la segreteria generale». In meno di venti anni il centro ha prodotto oltre 500 articoli scientifici, pubblicati sulle maggiori riviste internazionali di cardiologia. «Il centro - ricorda il professor Scherillo- ha realizzato una serie di studi epidemiologici per valutare la qualità delle cure nella gestione dei pazienti con scompenso cardiaco o con un infarto miocardico acuto. Il Centro è la centrale operativa delle cardiologie ospedaliere italiane, che raccolgono dati sui pazienti ricoverati per standardizzare la qualità delle cure effettuate in tutta Italia. Abbiamo attive collaborazioni con molte istituzioni sanitarie, in particolare con l’Istituto superiore di Sanità. Con loro – dice ancora il professor Scherillo - abbiamo varato lo studio In-Acs Outcome che ha permesso di verificare, nei pazienti ricoverati in unità coronarica, una netta riduzione della mortalità che risulta pari al tre per cento».
Diverse le iniziative per il futuro che l’Anmco sta progettando. Tra queste la realizzzazione di un piano standard di cure per il paziente colpito da infarto miocardico acuto. «Si tratta di una certificazione di qualità – spiega Scherillo - promossa dalla nostra associazione destinata alle strutture cardiologiche che adottano un appropriato percorso diagnostico terapeutico, elaborato a partire dalle specifiche linee guida cliniche. In pratica daremo il bollino di qualità a tutte le strutture cardiologiche che si impegnano ad attivare questo processo di miglioramento continuo della qualità delle cure erogate».
L’Anmco ha intrapreso iniziative di sensibilizzazione per promuovere in tutta Italia lo stile di vita «salva cuore». É questo il tema trattato dalla campagna dedicata al valore della vita che prevede la promozione di uno spot emozionale trasmesso dalle tv nazionali, per sensibilizzare i cittadini alle cure immediate per l’infarto miocardico acuto.