La programmazione sarà più «diluita»

Delle pellicole che hanno fatto arrabbiare i maggiori critici americani, solo una, «Il bambino con il pigiama a righe», è già in programmazione nei cinema italiani. Si tratta della storia dell’amicizia fra due bambini di otto anni, il figlio del comandante di un lager e un suo coetaneo prigioniero. Ma gli altri film sulla Shoah e il Terzo Reich arriveranno. Anzi, «Good», in cui Viggo Mortensen interpreta il ruolo di uno studioso tedesco teorico dell’eutanasia, è stato presentato all’ultimo Festival del cinema di Roma. Dal 23 gennaio vedremo Daniel Craig in «I giorni del coraggio», la storia (vera) di un gruppo di ebrei evasi dai lager che per tre anni combattono i tedeschi nelle foreste della Bielorussia il cui titolo originale è «Defiance». E il 30 gennaio arriva nelle sale «Operazione Valchiria», la storia dell’attentato contro Hitler organizzato nel 1944 da un gruppo di oppositori fra i quali il colonnello della Wehrmacht Claus von Stauffenberg interpretato da Tom Cruise. In primavera dovrebbe arrivare «The reader» di Stephen Daldry, che racconta l’incontro e l’amore di un quindicenne e una donna (Kate Winslet), verrà distribuito in Italia con il titolo «A voce alta». Acclamato al festival di Toronto, «Adam Resurrected» vede alla regia Paul Schrader e nel cast Jeff Goldblum e Willem Dafoe. Lo potremo vedere nei nostri cinema con il titolo «Adamo risorto».