Progressi per oro e greggio

Le aspettative ribassiste sul biglietto verde spingono l’oro. Così, al fixing londinese, il metallo giallo ha progredito fino a 650,50 dollari l’oncia. Molto volatile il petrolio. L’aumento delle scorte Usa di greggio ha incoraggiato inizialmente i venditori. Poi sono scattate le ricoperture e il future del Wti è tornato oltre 58 dollari al barile come conseguenza della prospettiva di una ripresa mondiale in accelerazione. Gli scioperi in Cile hanno mantenuto il rame sopra 5.600 dollari per tonnellata.