Promessa di capitano: «Torneremo belli»

Troppi impegni - tra campionato e coppa - e la Sampdoria paga ancora una volta dazio. Domani a Bologna potrebbe marcare visita Daniele Dessena, che ha rimediato una fastidiosa botta alla caviglia destra, nel match di giovedì sera contro il Debrecen. Una notizia cattiva ed una buona, però: se non dovesse farcela, rientrerebbe tra i titolari Tissone, che appare ormai recuperato. Il ritorno di Poli, ancora non al meglio, è fissato dopo la pausa per le nazionali.
Di certo, non mancherà capitan Palombo, che pure in queste ultime due settimane ha dovuto fare i conti con un ginocchio dolorante. Per lui, niente turn over. «A Bologna ci sarò ma il ritorno in gruppo di Poli e Tissone è molto importante per la squadra - ha detto ieri il capitano blucerchiato, che ha promosso il suo casco personalizzato a "La Rinascente" -, tra l'altro sono contento anche del rientro di Accardi. In coppa gli ho ceduto la fascia molto volentieri». A proposito di spogliatoio, Palombo è voluto tornare anche sul dopo partita con l'Udinese, quando aveva voluto suonare la carica - o meglio la sveglia - ad una squadra sin troppo deludente. «Non mi riferivo a nessun compagno in particolare, come qualcuno ha voluto far credere. Se devo dire delle cose, state tranquilli: le dico in faccia, mica in televisione...». Sugli altri big di questa Samp - Cassano e Pazzini - il capitano però si aspetta «più gol dell'anno scorso, perchè sono due campioni e hanno le potenzialità per continuare a fare bene».
I blucerchiati, nelle ultime uscite, non hanno certo entusiasmato. «Ma col Debrecen - ha detto Palombo - sono arrivati comunque i tre punti e segnali incoraggianti. La bella Samp vista contro il Werder tornerà presto». Domani c'è il Bologna in trasferta, gara tradizionalmente ostica: «Match difficile, servirà la miglior Samp. Ma andremo al Dall'Ara con lo spirito giusto».