La promessa del Papa: «Vengo in Liguria»

Un’amicizia che dura da quando entrambi lavoravano nella Congregazione per la fede

(...) lavoravano alla Congregazione per la dottrina della fede, ha dato l’annuncio tanto atteso e gradito alla comunità genovese.
«Lunedì sera ero a colloquio con Papa Ratzinger nelle sue stanze in Vaticano - rivela il cardinale -. Sono stato anche nel salotto dove il Papa ha portato il pianoforte nel quale ogni tanto si diletta suonando le sue musiche tedesche. E ho presentato ufficialmente a Benedetto XVI la domanda di far visita a Genova e Savona nel 2006, consegnandogli la mia lettera di invito insieme alle lettere del vescovo di Savona e del sindaco di Genova». Racconta Bertone che «il Papa si è detto ben disposto a venire in Liguria il prossimo anno, compatibilmente con tutti gli impegni che ha in agenda. Speriamo davvero di avere con noi questo Pellegrino della fede». Durante il suo futuro soggiorno genovese Papa Benedetto XVI ha promesso all’amico Bertone di salire con lui ai piedi della Guardia. «Il Papa mi ha chiesto informazioni sull’apparizione della Madonna sul monte Figogna - racconta ancora Bertone -. Gli ho ricordato l’atto notarile che certifica la veridicità della comparsa, atto esposto nella cappella dell’Apparizione».
L’Arcivescovo di Genova rivela che «Benedetto XVI ogni giorno durante le sue passeggiate nei giardini vaticani si reca davanti all’Edicola della Madonna della Guardia, dove io stesso insieme a don Stefano mi soffermavo a pregare prima del Conclave. È come se il Papa anticipasse in questo modo il pellegrinaggio al nostro santuario. E Papa Ratzinger mi ha assicurato che prega sempre per noi genovesi». Ma ieri alla Guardia si celebrava anche una ricorrenza molto sentita dalla comunità dei fedeli: la Festa del cuore immacolato di Maria. «È lei che ci guida nel cammino esaltante e difficile della ricerca di Gesù - dichiara Bertone - Anche noi vogliamo portare nel cuore tante esperienze di bontà e benevolenza, come la premura che la Madonna ha mostrato per noi attraverso il segno visibile della sua apparizione sul monte Figogna».
Per l’Arcivescovo di Genova «i tre segreti di Fatima ricordano la devozione al cuore immacolato di Maria e rappresentano una continua esortazione alla preghiera per la salvezza delle anime». Il segreto di Fatima e la devozione al cuore della Madonna costituiscono, conclude Bertone, «la vittoria su ogni male. Cerchiamo di essere vittoriosi con Maria. Abbiamo fiducia in lei. Gesù ha vinto con Maria. Il sì di Maria ha cambiato la storia del mondo perché ha introdotto nel mondo il Salvatore».