La promozione del Made in Italy

La promozione è uno strumento strategico per sostenere la qualità della produzione dell'agricoltura italiana, in particolare per rafforzare la presenza dell'autentico Made in Italy sui Paesi europei ed extra Ue. Un impegno costante che vede protagonista il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali al fianco delle organizzazioni di settore. Tre le azioni che, ad esempio, in questo momento vedono l'Italia protagonista nel mondo: la Fiera «Anuga 2011» a Colonia in Germania, il programma «Olio Extra Vergine di Oliva: alta qualità europea» su Paesi come la Germania, la Francia e il Regno Unito, le tappe del Vinitaly Tour per la promozione del vino italiano. Anuga, fiera che si svolge ogni due anni a Colonia, è il più grande appuntamento mondiale nel settore agroalimentare. Sono presenti dai prodotti gourmet e generi alimentari di prima necessità alle bevande, all’ortofrutta, ai prodotti ittici e ai piatti pronti freschi. E ancora: carni, pollame, salumi, surgelati e gelati, prodotti lattiero-caseari, pane, prodotti da forno e bevande calde, prodotti biologici, tecnologie, attrezzature e servizi per il catering, tecnologie, attrezzature e servizi per la vendita al dettaglio. Quest'anno l'Italia è stato scelta come partner della Fiera, oltre a essere il Paese con il maggior numero di imprese presenti nei dieci padiglioni tra i quali si snoda l'esposizione. La presenza italiana ad Anuga 2011 è in crescita rispetto alla scorsa edizione, quando il nostro Paese era comunque il più rappresentato con 1.032 imprese espositrici. In tutto le aziende presenti nel 2011 sono più di 6.500 provenienti da circa 100 Paesi. La Germania è il Paese a cui è destinata la fetta più grande (il 20%) delle nostre esportazioni agro-alimentari. Nei primi sei mesi del 2011, il dato riferito all’export agroalimentare in Germania ha fatto registrare un aumento del 7% rispetto allo stesso periodo del 2010, affiancato da una crescita del 5,5% delle importazioni.
Il ministro Romano ha sottolineato che «Anuga è senz'altro il posto giusto nel quale è utile essere presenti con il meglio delle nostre produzioni. Nel mondo globalizzato non possiamo correre il rischio di perdere risorse nei mille rivoli di una promozione troppo locale e non programmata». Crescono, inoltre, in consumi di olio extra vergine d’oliva in Germania, Francia e Regno Unito. Merito anche della campagna di promozione triennale, «Olio extra vergine di oliva: alta qualità europea» finanziata con il contributo dell'Unione Europea e del ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e con le risorse proprie di Unaprol, il consorzio olivicolo italiano.
L'Italia che ha fatto dell'alta qualità europea il proprio fiore all'occhiello consolida in questi Paesi definiti nuovi consumatori la propria presenza con il 74% del mercato in Germania, il 33% in Francia e il 55% nel Regno Unito.
Altro protagonista è il vino italiano, che continua a registrare successi sul fronte dell’export e che si conferma come pilastro della bilancia commerciale agroalimentare nazionale. Tra gli appuntamenti più importanti ci sono il Vinitaly Tour che tra ottobre e novembre toccherà due nazioni strategiche, gli Stati Uniti d’America e la Cina. Dal 17 al 19 ottobre l’Italia del vino sarà a Washington e New York, mentre dal 3 al 5 novembre ad Hong Kong una delegazione di produttori italiani sarà presente alla «Hong Kong International Wine & Spirits Fair».