Pronta nel 2011 costerà 430 milioni

da Vicenza

Nel giorno del 232° compleanno dell’esercito degli Stati Uniti il comando Setaf di Vicenza ha ufficializzato il via libera definitivo del governo italiano alla nascita della Ederle 2, la base della discordia. L’America investirà 325 milioni di euro per il nuovo campo che sull’area dell’aeroporto Dal Molin di Vicenza permetterà la riunificazione in Italia della 173ª brigata paracadutisti, attualmente per metà di stanza in Germania. Ma il costo complessivo sarà di circa 430 milioni.
Il generale a capo della Setaf a Vicenza, Frank Helmick, ha ricordato che l’ok italiano è stato impresso meno di un mese fa, a maggio. Il nuovo insediamento ospiterà circa 1.200 persone e sarà collegato alla città da alcune nuove arterie. I militari con le famiglie saranno alloggiati in palazzine da quattro piani, i single in piccole casermette. Secondo i vertici Setaf la nuova base sarà pronta nel 2011. Entro quest’anno si dovrebbero sviluppare le bonifiche per portare alla luce gli ordigni della seconda guerra mondiale.