«Pronta la società M4 la linea si fa lo stesso»

Nascerà oggi (al più tardi settimana prossima) la «Società M4»: la giunta deve dare il via libera al bando di gara per scegliere il socio privato con cui realizzare in project financing la linea 4 del metrò. «Da metà 2009 via ai lavori per la prima tratta, da Sforza a Lorenteggio», anticipa l’assessore all’Ambiente del Comune, Edoardo Croci.
La seconda tratta arriva a Linate: avrà senso se si va al ridimensionamento dello scalo?
«Certo, si andrà avanti perché è utile. Sono convinto che Linate continuerà a servire tratte importanti, ma la linea è importante anche per residenti della zona».
Due giorni fa di mobilità milanese ha parlato anche in Polonia.
«Alla 14ª conferenza mondiale Onu sul clima, Milano ha aderito alla Dichiarazione di Poznan sui cambiamenti climatici promossa dal network internazionale Eurocities. Tra le città che hanno già firmato ci sono Londra, Parigi, Barcellona, Stoccolma, è un impegno forte nella battaglia per abbassare le emissioni serra. Milano è in prima fila tra le città europee. Non pensiamo solo agli effetti globali: meno inquinanti a livello locale migliorano la qualità della vita».
Concretamente, cosa fa Milano?
«In pochi anni porteremo da 150mila a 500mila case la rete di teleriscaldamento, vogliamo portare da tre a sei le linee del metrò, scontiamo del 30% gli oneri di urbanizzazione a chi costruisce immobili superando gli standard di efficienza energetica già richiesti dalle leggi dello Stato. Le azioni sono tante, da Ecopass al bike sharing».
Ci sono le bici in affitto: le piste?
«Intanto a una settimana dall’avvio il bike sharing ha già 1.497 iscritti. Ma abbiamo appena firmato un accordo col ministero dell’Ambiente per un cofinanziamento di 9,1 milioni, che si sommano ai 20 stanziati dal Comune, per arrivare a 120 km di piste entro il 2011».