Pronta la vettura che non parte se il guidatore ha bevuto troppo

La Nissan ha annunciato un progetto che prevede la digitazione di un codice numerico a prova di alcol

da Tokyo

Il Giappone tecnologico sfida gli ubriachi al volante, con l'intento di arginare la piaga degli incidenti stradali causati dalla guida in stato di ebbrezza.
La casa automobilistica Nissan ha annunciato ieri a Tokyo un progetto per realizzare a breve autoveicoli che non possano essere messi in moto da conducenti ubriachi.
Tra le proposte allo studio dell'azienda giapponese, un sistema che funziona con lo stesso principio del «palloncino» usato dalla polizia per controllare il tasso alcolico dei guidatori: una cannuccia posta vicino al guidatore ne valuterà in tempo reale il grado di ebbrezza, e in base al risultato impedirà o meno l'accensione del motore.
Un'altra idea riguarda un meccanismo che richiede la digitazione di un codice numerico molto lungo per far partire l'auto: in caso di livello etilico superiore al consentito, hanno spiegato i tecnici, è improbabile che il guidatore eccessivamente «brillo» riesca a ricordare l'esatta sequenza del PIN.
I responsabili della Nissan hanno dichiarato che non sarà affatto complicato montare i nuovi meccanismi sulle auto già in produzione, poichè simili apparecchiature sono già in uso in altre parti del mondo, tra cui Europa e Stati Uniti.
La piaga degli incidenti stradali dovuti a stato di ebbrezza ha catalizzato fortemente l'attenzione di media e opinione pubblica in Giappone, soprattutto dopo alcuni fatti di cronaca particolarmente incresciosi avvenuti di recente. Primo fra tutti il caso che ha visto come vittime tre bambini sotto i quattro anni, rimasti uccisi in un incidente stradale causato da un autista di camion ubriaco, nella prefettura meridionale di Fukuoka.
La legislazione giapponese è estremamente severa in materia di guida in stato di ebbrezza: nel 2001 la pena massima per i responsabili degli incidenti è stata innalzata da 5 a 20 anni di detenzione.
Nonostante un netto calo dei sinistri nel 2005, che sono scesi a 707 contro i 1.191 del 2001, la tendenza per l'anno in corso sembra in peggioramento: nel semestre gennaio-luglio si sono registrati 364 casi, 13 in più dell'anno precedente.
Rispetto ai sistemi di prevenzione alla guida in stato di ebbrezza, la Saab ha già realizzato una speciale chiavetta che, dopo aver soffiato al suo interno, è in grado di indicare il tasso alcolico della persona che sta per mettersi alla guida.