Pronti all'assalto delle banche

Il prossimo business delle piattaforme digitali? Gli analisti non hanno dubbi: le banche. Google, Facebook e Amazon sono in prima linea per conquistare il controllo di un settore appena nato, conosciuto con il termine di «fintech», dall'unione delle parole finanza e tecnologia.

Tutti e tre i grandi gruppi hanno risorse finanziarie e un patrimonio di utenti già fidelizzati in grado di rendere più facile il salto. La più avanti sul percorso sembra Facebook che l'anno scorso ha ricevuto dalla banca centrale irlandese l'autorizzazione a creare un servizio di pagamento digitale all'interno dell'Unione europea. Negli Stati Uniti il social più diffuso al mondo gestisce già un servizio di pagamenti tra gli utenti di Messenger.

E il primo obiettivo potrebbe essere quello di rendere globale un servizio di «money transfer» subito concorrenziale con quelli già attivi. Secondo uno studio della società di consulenza Accenture un terzo degli utilizzatori di servizi finanziari sarebbe pronto a trasferire i propri soldi su un conto corrente targato Google o Amazon. In Italia la percentuale è ancora più alta e raggiunge il 42% tra la popolazione in generale e il 51% tra i giovani.