Pronti a concedere l’operatore virtuale

Vodafone

Vodafone rompe il fronte degli operatori di telefonia mobile e offre all’Antitrust un «impegno» sull’operatore virtale. Il gruppo inglese farà «quanto ragionevolmente possibile» per chiudere entro marzo 2007 «un accordo giuridicamente vincolante, preparatorio o definitivo» per permettere l’accesso alla propria rete di un operatore di telefonia mobile virtuale. La disponibilità di Vodafone, ad aprire al cosiddetto operatore virtuale (un soggetto che per fornire il servizio sui telefonini utilizza la rete altrui), arriva nell’ambito dell’istruttoria avviata dall’Autorità garante nel 2005 per abuso di posizione dominante che coinvolge anche Tim e Wind e che ha avuto origine da un esposto di Tele2 e altri operatori di telefonia «fissa». Nell’ambito dell’operatore virtuale per Tim si parlava di un accordo già firmato con Coop, mentre «3» ha ricevuto numerose offerte tra cui quella di Elsacom, gruppo Finmeccanica.